Le eccellenze del San Pellegrino: arriva il dott. Maritati
1 agosto 2017

L’Ospedale San Pellegrino vanta un nuovo specialista in urologia. Si tratta del dott. Francesco Maritati, che avrà orario di ambulatorio il mercoledì mattina, su prenotazione. Maritati affiancherà anche il reparto di chirurgia, in veste di consulente nei casi di chirurgia endoscopica.

Maritati è un esperto della materia, a cui ha dedicato la sua carriera. Dopo la laurea nel ’78 a Parma, ha ottenuto la specializzazione in urologia a Verona. Ha iniziato il percorso professionale presso l’Ospedale di Bussolengo, per poi passare a Desenzano ed infine alla Clinica Pederzoli a Peschiera. E’ anche docente presso la Scuola Professionale per infermieri di Desenzano.

Perché rivolgersi all’ambulatorio di urologia? “I casi più frequenti – spiega Maritati – riguardano le patologie prostatiche, della vescica, la calcolosi urinaria, o problemi di carattere andrologico”.

Prostata: I sintomi ostruttivi sono legati soprattutto a una riduzione del getto urinario e alla difficoltà a iniziare a urinare I sintomi irritativi sono legati all’aumentata sensibilità della prostata e della vescica. Si riduce quindi la capacità di trattenere l’urina nella fase di riempimento della vescica. I disturbi irritativi sono costituiti soprattutto dal bisogno di urinare spesso, con la necessità di alzarsi frequentemente di notte.

La calcolosi urinaria: Può avere molteplici aspetti in relazione prevalentemente alla sua sede nelle vie urinarie; il quadro clinico e gli eventuali segni di complicanze correlati sono quindi differenti (infezione, stasi urinaria, insufficienza renale) e si possono manifestare singolarmente o in associazione tra di loro. La colica renale è caratterizzata da un dolore acuto, di insorgenza improvvisa (solitamente di notte o nelle prime ore del mattino), a poussées, che raggiunge rapidamente il suo acme e altrettanto rapidamente può scomparire, lasciando un senso di dolenzia; la sua durata è in genere di qualche minuto o di qualche ora, raramente dura qualche giorno.

La disfunzione erettile (DE): Viene a volte indicata come l'impotenza, è l'incapacità di raggiungere o mantenere l'erezione. Ci sono tre tipi di disfunzione erettile: primaria, secondaria e situazionale. La disfunzione erettile primaria si verifica quando un uomo non è mai stato in grado di ottenere l'erezione durante l'attività sessuale. La disfunzione erettile secondaria è più comune e si verifica quando un uomo è riuscito ad ottenere un'erezione durante l’attività sessuale in passato, ma non ci riesce più. Spesso, infatti, problemi di questo tipo iniziano a verificarsi tra i 40 e i 50 anni, quando le energie sono sempre meno.

Per questi ed altri problemi, potete rivolgervi all’ambulatorio, prenotando al Cup dell’Ospedale San Pellegrino.